Piatto Sant'Antonio

Benedizione degli animali – Piatto di Sant’Antonio Abate

Il Subasio è una terra da sempre dedita alle attività silvo-pastorali. E’ particolarmente sentita, qui come in tutta l’Umbria, la devozione per Sant’Antonio Abate, eremite di origine egiziana (251 – 357 d.C.) che l’intera civiltà contadina cristiana considera protettore degli animali domestici. Rivolgersi a Sant’Antonio aiutava a evitare le malattie delle bestie e in tutti i borghi agricoli dell’assisiate si svolgeva una gran festa il giorno delle sua ricorrenza il 17 di Gennaio.Sant'Antonio AbateE’ curioso scoprire, da cronache d’inizio Novecento, come in paesini posti nelle estreme propaggini del Monte era uso rimandare tali commemorazione e, confondendo Antonio Abate con Antonio da Padova i festeggiamenti si svolgevano nella più tiepida e soleggiata giornata del 13 giugno.

In pianura, in particolar modo a Santa Maria degli Angeli, frazione di Assisi famosa per la Porziuncola, la tradizione è più sentita che in qualsiasi altra zona dell’Umbra. La cittadina in passato era una nota stazione per il cambio dei cavalli dei postiglioni postali in transito tra Firenze e Roma. Intorno al 1860 scoppiò una grave epidemia, che colpì in particolar modo proprio quei cavalli. Era a repentaglio l’intera economia della zona e i cittadini si rivolsero con fiducia a Sant’Antonio Abate di cui era prossima la ricorrenza. Le preghiere ottennero i frutti sperati, il morbo fu scongiurato e i cavalli si salvarono da morte certa.

Da quell’anno, come ringraziamento al Santo, fu celebrata con ancora maggior solennità la sua festa, la sua statua fu portata in processione per le vie del paese e fu distribuito, in onore del povero eremita, del cibo agli indigenti che prese il nome di “Piatto di Sant’Antonio“.

Priori Serventi Piatto di Sant'Antonio

Nacque l’Associazione Priori del Piatto di Sant’Antonio Abate con lo scopo di tramandare la tradizione, la storia e il significato della ricorrenza che si celebra ancora oggi la prima domenica successiva il 17 Gennaio. Il Piatto è un appuntamento che ogni Angelano “verace” non può mancare. I ristoranti della zona con un contributo ai Priori accolgono la cittadinanza per il pranzo domenicale. Esso, come traduzione, è composto da: una razione di maccheroni, due fette di carne in umido, quattro salsicce, due polpette, pane, mezzo litro di vino e due mele.

L’appuntamento più seguito della Manifestazione è la benedizione degli animali e la distribuzione di pane votivo la mattina della Domenica. Contadini, allevatori, pastori e semplici cittadini portano in parata nella piazza centrale di Santa Maria degli Angeli i propri animali domestici per la benedizione solenne effettuata dai frati della Porziuncola.

Piatto di Sant'Antonio Santa Maria degli Angeli

Anche le forze armate a cavallo partecipano all’evento, è possibile ammirare un’esposizione di auto, moto e macchine agricole d’epoca, o percorrere le vie cittadine su carrozze storiche trainate da cavalli. La manifestazione continua con la commemorazione ai caduti in guerra e termina con una serata musicale.

Una festa tradizionale dal vero sapore di altri tempi.

Quest’anno il Piatto di Sant’Antonio a Santa Maria degli Angeli si svolgerà Domenica 20 Gennaio 2019; i festeggiamenti iniziano già dall’inizio del mese con: eventi collaterali, degustazione di prodotti enogastronomici e cene in Taverna. Per info consultare il sito dell’Associazione Priori del Piatto.

Dicembre 12th, 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.